Audizione FEDER.CASA CONFSAL alla COMMISSIONE PARLAMENTARE controllo attività enti – problematiche patrimonio immobiliare INPS uso abitativo

Ieri 5 aprile 2017 la FEDER.CASA CONFSAL è stata convocata per un’audizione presso la Commissione parlamentare di controllo sull’attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale relativa alle problematiche concernenti la gestione del patrimonio immobiliare dell’INPS ad uso abitativo.

Il Segretario Generale Gianluigi Pascoletti nel suo intervento ha dichiarato che:

– “ l’accordo per il rinnovo dei contratti del 2001 è rimasto senza realizzazione a seguito dell’emanazione della normativa sulla cartolarizzazione degli immobili, del blocco dei contratti e della cessione delle abitazioni ai conduttori. Non si ritiene, pertanto, giustificabile chiedere ai conduttori, regolarmente assegnatari di alloggi, arretrati per canoni di locazione non rinnovati a seguito di disposizioni normative. Fanno presente, inoltre, che la prevista riduzione del 20% delle morosità per canoni e oneri accessori è troppo bassa rispetto al trascorso arco temporale, ma va comunque applicata genericamente a tutte le situazioni. Sarebbe inoltre opportuno, per non creare sperequazioni, stipulare contratti di locazione non solo per regolarizzare le posizioni degli occupanti abusivi, ma anche per tutte quelle situazioni di contratti scaduti e non rinnovati per effetto di disposizioni normative per quali i conduttori sono soggetti passivi incolpevoli. La casistica contrattuale così come si presenta oggi, al di là delle occupazioni abusive, appare particolarmente diversificata ed occorre classificare le diverse casistiche per definire la trattativa sui nuovi canoni.”

La Commissione ha ricevuto anche il documento della FEDER.CASA che entra nel merito delle questione e propone alcune soluzioni, ponendo in evidenza che uno dei problemi che crea un ulteriore danno economico all’INPS è stata l’applicazione dell’IMU al patrimonio immobiliare voluta dal Governo Monti nell’ambito della spending review.

Da parte dei componenti della Commissione vi sono stati interventi con prese di posizione ed impegni proprio in funzione di una riduzione dell’IMU e della volontà di risolvere la problematica con l’eventuale Accordo integrativo per la definizione dei canoni concordati al fine di stipulare i contratti di locazione a tutti gli inquilini che ne hanno diritto per poi procedere alla dismissione.

Cordiali saluti

FEDER.CASA CONFSAL

LA SEGRETERIA GENERALE